Il D.lgs. antiriciclaggio 2017, in attuazione dei principi alla base della lotta al riciclaggio o finanziamento del terrorismo, responsabilizza le figure che vengono in gioco in un rapporto professionale da cui potrebbe generarsi una fattispecie di riciclaggio o illecito finanziamento.
Insieme con gli obblighi di adeguata verifica della clientela, di conservazione della documentazione, ecc. il D.Lgs. n. 90/2017 relativo all’antiriciclaggio, individua per i soggetti obbligati ex art. 3 (e nello specifico per i professionisti e gli intermediari finanziari), l’obbligo di segnalare le operazioni sospette. Tale obbligo sussiste già nel momento in cui, nel soggetto obbligato, si generi il sospetto che l’operazione possa configurare casistiche vietate dal D.Lgs. sull’antiriciclaggio.