Con il messaggio 3097 del 5 agosto,  l’INPS ha messo a disposizione la piattaforma telematica per le richieste con le istruzioni operative  nella circolare  115-2022.

La scadenza è fissata al 30 novembre 2022.

L’art. 2 bis inserito in sede di conversione in legge del Decreto Aiuti n. 50 2022, prevede l’erogazione di una indennità Una Tantum di importo pari a 550 euro, per l’anno 2022,  ai lavoratori dipendenti di aziende private  con i seguenti requisiti:

  •  titolari di contratto di lavoro a tempo parziale ciclico verticale nell’anno 2021 che prevedesse:
  •  periodi non interamente lavorati di almeno un mese in via continuativa, e complessivamente,  non inferiori a sette settimane e non superiori a venti settimane e
  • alla data della domanda, non titolari di altro rapporto di lavoro dipendente ovvero 
  • non  percettori della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI)  ( sul punto la nuova circolare precisa che l lavoratore è da intendersi percettore di NASpI anche nella ipotesi in cui – alla data di presentazione della domanda di indennità una tantum – sia titolare della prestazione NASpI ma questa è stata sospesa a seguito di rioccupazione con rapporto di lavoro a tempo determinato di durata pari o inferiore a sei mesi.
  • né  di un trattamento pensionistico;
  • il bonus è cumulabile con l’assegno di invalidità

L’indennità:

•    può essere riconosciuta solo una volta a ciascun lavoratore

•    non concorre alla formazione del reddito

•    è erogata dall’INPS che provvede anche al monitoraggio del limite di spesa.