La Corte di Cassazione, con una recentissima Sentenza, ha affermato che il licenziamento per giustificato motivo oggettivo deve essere coerente con ragioni effettive e convincenti, comprovate o comprovabili, in quanto pur se i giudici non possono sindacarne il merito, è tuttavia rimesso agli stessi il compito dell’accertamento della effettività (Sentenza Corte di Cassazione n° 24803 del 05.12.2016).

sentenza-n-24803-del-2016