Il decreto legge del 17 marzo 2020 all’articolo 67, ha determinato due anni di tempo in più per accertare le dichiarazioni e gli altri adempimenti da parte dell’amministrazione finanziaria. Il potere di controllo sui suddetti sarebbe scaduto al 31/12/2020 mentre trasleranno a dicembre del 2022.

Un ampliamento a livello temporale che si estende anche a periodi pregressi e non ancora decaduti, come per esempio, l’intera annualità d’imposta 2015, o 2014 nel caso di omessa dichiarazione.