La Circ. Inps n. 66/2020 fornisce i chiarimenti in merito all’erogazione dell’indennità per il mese di aprile 2020, prevista dal DL Rilancio, a favore dei soggetti già beneficiari del medesimo beneficio per il mese di marzo 2020, previsto dal DL Cura Italia. In particolare, i soggetti:

  • già beneficiari dell’indennità per il mese di marzo 2020 non sono tenuti a presentare una nuova domanda in quanto il beneficio viene riconosciuto in automatico dall’Inps;
  • che non hanno presentato la domanda per l’indennità di marzo devono provvedere, a pena di decadenza, entro il 3/06/2020; il riconoscimento del beneficio si estenderà d’ufficio anche al mese di aprile;
  • titolari dell’assegno ordinario di invalidità, a seguito della rimozione del divieto di cumulo con le indennità previste dai DD.LL. Rilancio e Cura Italia, la cui domanda è stata respinta per la presenza della sola titolarità dell’assegno sarà riesaminata dall’Inps che in caso di accoglimento riconoscerà l’indennità per i mesi di marzo e aprile 2020; coloro che non hanno presentato la domanda devono farlo entro il 3/06/2020.