Il 2018 è l’ultimo anno per l’invio dello spesometro. Dal 1° gennaio 2019, l’adempimento verrà meno a seguito dell’introduzione dell’obbligo della fatturazione elettronica anche nei rapporti B2B e B2C (e non solo nei confronti della PA). L’effetto premiale derivante dall’introduzione del nuovo obbligo non trascina con sé l’invio trimestrale dei dati relativi alle liquidazioni periodiche IVA effettuate, per permettere all’erario di incrociare le informazioni relative alle fatture emesse e ricevute (a disposizione tramite il Sistema di Interscambio) con le relative liquidazioni periodiche effettuate con cadenza mensile o trimestrale.